Home > Come aiutare un giocatore di slot machine

Come aiutare un giocatore di slot machine

Come aiutare un giocatore di slot machine

La cosa più importante in assoluto è capire che guarire è un processo complesso e che richiede tempo, e che il modo migliore di farlo, è imparando dai propri errori. Il primo aspetto da comprendere riguarda il come capire se una delle persone care è affetta da questo problema. Esistono diversi criteri che possono aiutare allo scopo:. È bene ricordare che anche il giocatore a causa di situazioni di questo tipo tende sempre ad avere un fortissimo calo di autostima, arrivando in alcuni casi addirittura al suicidio. In casi come questi è importante prendere seriamente in considerazione qualsiasi pensiero o frase che legata al suicidio.

È molto importante per il processo di guarigione che le persone care, che con il giocatore seguono il percorso della guarigione, capiscano di non essere sole, di non essere le uniche a ritrovarsi in situazioni di questo tipo e che molte altre famiglie hanno dovuto affrontare questa dipendenza e soprattutto che molte di loro lo hanno sconfitto. Prendere in mano le finanze della famiglia assicura che il giocatore rimanga lontano dalla tentazione di utilizzarle per il gioco e soprattutto assicura alla famiglia di non ritrovarsi con gravi problemi economici.

Nel suo ufficio arrivano centinaia di casi l'anno di persone malate di gioco. È in tutto simile alla dipendenza da sostanze stupefacenti. È una dipendenza da comportamento ed i circuiti neuronali coinvolti sono identici in entrambe le dipendenze: Daniele, il coordinatore dei Giocatori Anonimi. Daniele ha un passato da giocatore ma oggi ne è uscito. Definire le cause è molto difficile, soprattutto se ci si basa su un singolo modello. Un riferimento valido è quello bio-psico-sociale , di cui parliamo alla sezione Domande e Risposte.

Esso prende in considerazione diversi fattori: Ad esempio:. Bravo Simone! Il Sert è gratuito e offre un ottimo aiuto. Io ho giocato per 5 anni di fila e da altri 6 anni che combatto questa malattia! Vorrei dire questo a Paolo: Quanto a me , sono in vacanza e sto scoprendo un altro mondo! Mah allora dove erano finite le mie di emozioni? E la mia di sensibilità? Ecco oggi ho capito che per venirne fuori dal gioco io devo Vivere ed Emozionarmi! Gioire di avere la salute , un lavoro , un Bell sorriso!

Vi auguro le migliori cose! Grazie Simone! Sto cercando di convincerlo e lui dice di volersi fare aiutare ma secondo me non lo vuole davvero perché ogni tanto ci prova a dirmi che ce la deve fare da solo. Cosa devo fare? Vorrei aiutarlo ma dentro di me so che non ne uscirà mai! Cosa devo fare devo ascoltare mia madre e abbandonarlo? Sono confusa.

Secondo te Simone è sbagliato che io continuamente gli do i soldi per ripagare agli errori che fa? Questo potrebbe essere un modo per farsi approfittare del mio amore e della mia bontà? Che cosa devo fare? Penso che non ci sia niente di male ad aver contratto una malattia. Stessa cosa spero potrà capitare in futuro con le malattie psicologiche. Il fatto che tu dia soldi invece aumenta il problema perchè gli consente di andare avanti nelle sue credenze, che sono spesso basate su leggende metropolitane e false illusioni di vittoria impossibile.

É da un Po che Cerco testimonianze e finalmente ho deciso di scrivere. Io e lui ci amiamo tantissimo ma abbiamo un unico problema: Quando lui lavora di pomeriggio e non ci vediamo io riesco a stare senza e non vado da sola assolutamente. Il punto è che ho capito che se perdo 20 o mi sento male nello stesso modo e mi fa male che i soldi che lui si guadagna deve buttarli li. Vorremmo uscirne da soli, vorremmo essere liberi perché finalmente potremmo stare bene davvero. Non so come fare! Non mi prendono…É il bingo di pomeriggio che mi prende…Voglio essere libera! Ciao Anonima. Purtroppo è una dipendenza. Quando si inizia a giocare viene una fame che non si sazia , neppure con le vittorie.

Perchè rende impossibile alle persone il regolare svolgimento delle loro vite. E quel motivo di vita… tenerselo stretto. Ho 32 anni,iniziai a giocare per caso il giorno di una finale di champions league,con 10mila lire presi 80mila. Ora sono passati 16 anni e ora mentre vi scrivo sono appena tornato da una di quelle sale maledette. Io gioco a tutto,scommesse,slot,cavalli,lotterie. In 16 anni avrei potuto mettere da parte una fortuna e invece oggi mi ritrovo a contare i giorni che mancano alla fine del mese.

Sono un papà separato,ho avuto un periodo in cui sono riuscito a smettere 1 anno di fila ,ma poi ci sono ricaduto. Ma poi come capita a tutti ci sono ricaduto. Potrei usare la scusa di aver perso il mio primo figlio a 3 anni a causa di un tumore,ma sarebbe una bugia perché quello sicuramente influsice,ma la verità è che io giocavo prima e ho giocato dopo. Qui riesco a scrivere solo verità ma il mondo è fuori…e fuori riempo di palle tutti psicologi inclusi. Ma a me stesso non so mentire e so che la causa sono io. Ho sempre giocato con i miei soldi.. Perché significa che so ancora delineare i confini ma mi spingo sempre a toccarli…potrei fermarmi prima e ogni mese sembro riuscirci e andare meglio ma poi sbrago del tutto.

Non so se la mia è una proposta idiota. Non so di dove siete. Io sono di Roma,potremmo provare noi stessi a vederci e creare un gruppo per raccontarci settimanalmente tutte le nostre disavventure e tutte le nostre storie. Vorrei riprendere quel farmaco.. Farmaco a vita? Ad ogni modo il mio buon proposito di chiudere stasera una volta per tutte io lo scrivo.

È la prima volta che lo faccio pubblicamente. Sarà vero? Se non mi sentirete,forse,sarà perché quel click finalmente è scattato e non grazie ad una fottutissima pillola. Ciao a tutti , ciao Simone. Vorrei tanto leggere che qualcuno ha smesso di giocare e che sta bene. Purtroppo non è facile smettere ed io per non rovinarmi più di tanto gioco a 10 e lotto ogni tanto.

Giocare anche pochi euro mi da soglievo , perché astenersi a lungo non è facile! A me fa tanta paura il pensiero di non riuscire a venirne mai fuori! Accetto la mia malattia e non uso più la forza per combatterla. Io cucino per amici , faccio lunghe passeggiate con il mio cagnolino , canto sotto la doccia , mi fermo a chiacchierare per strada con la gente e do sempre il mio aiuto a chi posso anche se per un indicazione stradale.. Io che ho frequentato i giocatori anonimi ho notato che sono cerchi chiusi , tutti amici tra loro che se ne fregano di quelli nuovi! Per questo non funzionano. Chiunque legga questo articolo spero che lasci un messaggio che possa aiutare qualcuno. E a chiunque non ha mai giocato le direi: Vi auguro buon proseguimento!

Ciao Bianca, grazie per la tua testimonianza. Occhio a quando dici che giochi per avere sollievo, è un piccolo segno che ti è rimasto ancora qualche dettaglio da sistemare. Per il resto, penso che questi luoghi di aggregazione per ex-giocatori, ci siano già… altrove. Ok parlare della propria sfiga, ok parlare delle sconfitte come fanno spesso quelli che si confessano qui ma sinceramente io penso che sia più utile vivere la vita: Inizia a cercare!

Ciao Pippo, sono daccordo. In qualsiasi modo vengano tirati in ballo i soldi, non è un gioco sano. Oggi mi sono rovinato e non so come dirlo alla mia famiglia. In due anni con vincite superiori ai euro ho fatto i conti ho perso , nelle ultime due settimane ho vinto oltre euro e mi ritrovo che domani devo pagare senza avere un euro in tasca, non so come fare. Ho prestiti ovunque e la mia famiglia non sa nulla. Ho prosciugato tutto il loro patrimonio a loro insaputa.. Devo ritornare a vivere e ritrovare me stesso, ritrovare chi ero. Prima di giocare alle slot non avevo mai chiesto nemmeno un bicchiere di acqua a nessuno, ora chiedere soldi a chiunque è la cosa più normale del mondo per me.

Mi hanno trasformato e rovinato, sia a livello economico che a livello umano.. Diventa la tua vita e vivi per esse…. So di essere malato, ma per quanto mi sforzi di chiedere aiuto alla mia famiglia, mi blocco e ci giro intorno al discorso, dicendo a loro che voglio cambiare vita. Mi sono dato dei limiti, tipo non uscire e evitare certi bar. Ma quella volta che esco ci ricasco. Ormai ho perso tutto e mi sono fatto dei debiti. Su questo sito puoi trovare un esempio di un programma di recupero. Qualsiasi cosa ti dicano al centro di recupero per giocatori patologici ti consiglio di eseguirla alla lettera. Come sempre, non ti auguro buona fortuna perchè come avrai capito… non esiste.

Perchè in fondo quando stiamo bene e quando siamo in contatto coi nostri cari, siamo forti. E raggiungiamo i nostri obiettivi. Ciao ragazzi, mi chiamo Ciro, leggendo questo articolo 2 mesi fa, ho pensato: Perché non devo arrivare nemmeno al quinto giorno del mese, allora mi son detto come ne sono entrato devo uscirne da solo, i soldi me li sudo come ognuno di noi, perché buttarli via?

I primi giorni è stato difficile, non guardavo nemmeno le macchinette quando entravo al bar per comprare le sigarette, adesso quando entro e sento anche qualcuno che scarica dei soldi penso, chissà quanto ci ha messo, sperando che abbia recuperato qualcosa e che un giorno smetta anche lui di giocare. È troppo bello entrare in un bar e non pensare a quale macchinetta giocare, uscire con i soldi in tasca cosa che prima non accadeva, anzi si ricorreva sempre al continuo prelievo di altro denaro..

Spero che anche voi troviate la forza dentro che ho avuto io senza dover ricorrere a psicologi o altro, ma solo se vi rendete conto dell effettivo problema e ne capite le ragioni potete uscirne con tranquillità, credetemi è più facile di quel che si pensa, basta solo volerlo davvero.. Un caro saluto a tutti, vi auguro un immediata guarigione da questa malattia. Abbiate fede in voi stessi. Caro Simone ho iniziato a giocare alle slot quando avevo 13 anni quindi ben 5 anni fa.

Ora è una malattia sono convinto di essere malato. Ho squagliato oro rubato dai bussolotti e tante altre cose schifose. Mi sono rovinato con quelle cose. Prima di rovinarmi del tutto potresti darmi qualche consiglio su come uscirne senza ricorrere allo psicologo o ad altri dottori? Non voglio considerarli perché ci sono entrato io e voglio uscirne io da solo. Grazie e buona serata. Questa idea di volercela fare da soli è una totale cazzata scusa il francese.

Il primo passo se vuoi uscirne davvero è andare dai tuoi parenti e metterli al corrente della tua situazione. Poi sceglierete assieme uno psicologo o potrai andare al SERT. Ma la chiave di tutto il problema è riallacciarti in modo profondo coi tuoi parenti. Ciao a tutti gioco e spero di dirè giocavo perché è un mese che nn gioco.. E alla fine mi son rotto il cazzo perché potevo dare a mia figlia una vita migliore nonostante nn le manca niente cmq.. La soluzione del portafogli in mano agli altri è altrettanto concreta e utile, tuttavia non potrà essere definitiva. Prima o poi quando ti sentirai pronto potrai anche fare altri passi avanti e trovare in te la forza di trovare un modo migliore di dedicare il tuo tempo e il tuo denaro.

Il problema è che in quel periodo ero una promessa del calcio del mio paese,tutti mi lodavano,sia per doti fisiche,tecniche, che umane. Purtroppo,sia per un carattere molto timido,sia per questo cazzo di dipendenza dal gioco, ho fallito con il calcio. Ora non lavoro più,mi sono licenziato, voglio dare una svolta alla mia vita, ad Agosto inizio la stagione con la prima squadra del paese che milita in serie D , voglio spaccare tutto!!!

Io se fossi in te sentirei una forte pressione da parte delle aspettative degli altri. Ok la voglia di farcela, OK la voglia di ricominciare ma attenzione… la prima droga è comunque il bisogno di sentirci perfetti, superiori, sempre vincenti. La cosa che ci insegna bene la dipendenza dal gioco è imparare a perdere. La situazione è cambiata nel quando dopo aver vinto 1. Questa risposta è stata utile per 4 persone. Il consiglio pertanto che posso darle è quello di terapia individuale personalizzata al fratello e alle sue specifiche problematiche.

In ambito cognitivo comportamentale sono stati all'uopo sviluppati protocolli di intervento per giocatori d'azzardo con lo scopo di ridurre se non eliminare nel breve il comportamento d'eccesso che porta a notevole dispendio econonomico. Lei comunque come persona più consapevole del problema che tocca il fratello potrebbe per la prima volta afferire presso uno psicoterapeuta per spiegare se non altro che cosa e come succede il tutto dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine friuli venezia giulia.

Questa risposta è stata utile per 0 persone. Attraverso la valutazione psicometrica sarà possibile definire se c'è o meno una dipendenza al gioco. E ritroverà l'equilibrio perduto. La crescente popolarità di svaghi legati al gioco basato su scommesse ha portato persone di ogni estrazione sociale a dedicarsi al mondo delle slot machines, del poker in tutte le sue molteplici varianti, spesso rievocate a semplice scopo di riunione con amici e conoscenti, e di moltissimi altri giochi basati sul classico concetto di azzardo.

Spesso il profilo relativo a un simile giocatore è caratterizzato da una certa predisposizione alla difficoltà del controllo dei propri impulsi in svariati campi della vita , assieme ad una possibile iperattività e ansia generalizzata, che cerca di attenuare puntando ripetutamente le proprie sostanze su qualsiasi tipologia di gioco lo attragga.

La compulsione va ovviamente distinta dalla pratica di un giocatore che, pur giocando ripetute puntate, fissa dei limiti di somme predeterminate oltre le quali non andare.

Gioco d'azzardo: la tremenda storia di Massimo - Il Blog delle Stelle

Nota come gioco d'azzardo compulsivo, la dipendenza da gioco d'azzardo o FATTO: Non è tanto un problema di frequenza, un giocatore può giocare . Aiutare un membro della famiglia con un problema di ludopatia. Sono un ex giocatore delle slot machine e scrivo questa lettera aperta abbi il coraggio di ammettere a te stesso che HAI UN PROBLEMA come . che possa aiutare parecchie persone, so per certo che il comune di Torino. Sassari, il coraggio della moglie di un falegname di 36 anni che ha giocato Si è comportato come un tossico: parlava male delle slot, negava. Salve, sono la sorella di un ragazzo che gioca alle slot machine in modo da vent'anni mi occupo di giocatori d'azzardo e delle loro famiglie: non è facile. . capire che se vuole ne può uscire se solo si lasciasse aiutare. C'era una rapina, non me ne sono accorto». Testimonianze del Sert e del gruppo auto aiuto. La crescente popolarità di svaghi legati al gioco basato su scommesse ha portato persone di ogni estrazione sociale a dedicarsi al mondo delle slot machines. mi piace giocare, e sono molto bravo so tutti i trucchi di questa slot machine Ps. se vuoi aiutare un parente / amico / marito / fidanzato che ha problemi col gioco . Come vedi dalla risposta di Francesco, la testa di un giocatore è piena di.

Toplists